Il borgo di Oliveto

Oliveto sorge a breve distanza da Monteveglio, in una splendida posizione collinare dal quale si può ammirare un fantastico panorama.

Nell'anno 776 l'abitato di Oliveto, allora chiamato Casale Sociorum, fu donato dai duchi longobardi all'abbazia di Nonantola che lo comprese nel suo feudo fino al a quando, nel 1131, gli olivetani si resero indipendenti, costituendo un libero comune (che sopravvisse per circa un secolo, passando poi liberamente al comune di Bologna).

Nel 1803 i francesi di Napoleone, che avevano invaso la regione, soppressero il comune di Oliveto, passandone il territorio sotto il comune di Monteveglio.

A partire dal X secolo il borgo prese il nome con cui lo conosciamo tutt'oggi, derivato dal nome della collina (Monte Oliveto) ispirato dalla vegetazione caratteristica del luogo, olivi.

Della storica Oliveto sono rimasti alcuni antichi monumenti.

Fra cui, ad esempio, una grande costruzione medioevale chiamata la Casa Grande dell'Ebreo (costruita nel 1410 da Salomon Mathasia , fu sede della comunità ebraica nonchè la prima banca di tutta la zona) e la Bronzina (che nel 1527 fu l'albergo dei Grandi di Spagna e successivamente fu anche lazzaretto e poi fonderia di bronzo attorno al 1775).

Nel borgo si svolge annualmente, in Marzo, la "Festa della Saracca".

Festa d'ispirazione spagnola, ereditata al tempo del loro passaggio nel 1527. Oggetto di questa festa è il Funerale della Saracca" ossia della Sardina che viene sepolta ai piedi di una croce di legno.

  • Visite: 138

Scarica
la mappa dei luoghi
in formato pdf

© Rete Proloco Reno Lavino Samoggia
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Strumenti